ITALIAN
 
MEMBERS Login
username
password
 
   
The easiest way to communicate with design and architecture magazines.  
 
 

Open up your PressRoom here in just a few small steps and DesignPress will send your press releases directly to editorial staff and journalists working in the industry in order to increase your visibility in the media.

 
 

 

The latest news from the world of Design, Architecture and Lifestyle
 

MEDIA Login
Already registered?
To login enter your
Email

 
 
Not registered?
Click here
 
 
Keyword
 
Categories
 
Professionals
 
Clients
 
 
   
   
 
Profile
 
         
 
I lavori della giovane designer Gaia Nodari
 
In order to download the images and documents you have to Login
 

 
Gaia Nodari la designer dei due mondi

A soli 31 anni Gaia Nodari, interior designer di origine Bergamasca, ha già in portfolio la realizzazione di prestigiosi ambienti per l’hotellerie di lusso, la ristorazione, il residenziale, in Italia e negli Usa.



Pubblico e privato, grande e piccolo, Milano e New York, Venezia e gli Hamptons, i lavori della giovane designer spaziano da un continente all’altro, contraddistinti da competenza, passione, entusiasmo e visioni innovative.

Nata a Bergamo nel 1986 in una famiglia di impresari edili, Gaia Nodari non si adagia sugli allori e giovanissima si trasferisce a vivere a Milano, dove nel 2008 si laurea in Design e Architettura degli Interni presso l’Istituto Europeo di Design.

L’anno dopo inizia a collaborare con i giovani e quotati architetti milanesi di RGA Studio, seguendo in particolare il settore della ristorazione, dove realizza alcuni dei più significativi locali di Milano. Tra questi spiccano il Ratanà dello chef Cesare Battisti e l’Erba Brusca della chef Alice Delcourt, entrambi pubblicati su riviste di settore come Elle Decor, Interni, Ottagono, Lotus, Wallpaper.

Ricavato in un edificio liberty, già utilizzato come magazzino ferroviario per la prima stazione di Milano, che oggi si trova nel centro della riqualificazione dell’area di Porta Nuova, il Ratanà è stato il primo locale a sorgere nel grande complesso; Gaia e RGA ne hanno recuperato la vocazione industriale attraverso l’uso di materiali quali il ferro e il legno legati a quella tradizione. Tutti gli elementi di arredo del Ratanà sono stati realizzati sul posto, utilizzando lo spazio come una vera e propria officina.

Nel 2014 diventa partner dell'azienda di famiglia (www.ediliziainterna.it) che le offre la possibilità di lavorare e dirigere cantieri importanti come gli hotel 5 stelle lusso della catena Orient Express (attualmente Belmond Hotels), situati in palazzi storici nelle località più rinomate d’Italia. Tra questi vanno citati l‘hotel Cipriani di Venezia, l’hotel Splendino di Portofino e l‘hotel Caruso di Ravello. In quest’ultimo caso, il progetto ha previsto, nel rispetto dello stile locale, l’uso di ceramiche decorate a mano di Vietri, impreziosite da marmi bianchi ariston provenienti dalla Grecia per le sale da bagno.

Desiderosa di confrontarsi con altre culture, diversi metodi di approccio e gestione dell’architettura d’interni, nel 2015 Gaia si trasferisce a New York e riesce ad entrare nello studio dell’affermato architetto West Chin. All’interno dello studio sviluppa il concept e il design per la catena di ristoranti Two Forks, una nuova tipologia di fast food che promuove una cucina naturale e salutare e segue alcuni progetti di residenze private, in diverse località degli Stati Uniti e dei Caraibi. USA.


Il suo progetto americano di maggior successo è probabilmente il ristorante giapponese Momi Ramen negli Hamptons. Qui l’obiettivo era duplice: da un lato dare nuova vita a un edificio esistente che godeva di poca luce naturale ed era mal collegato con l’ esterno, e dall’altro collocare la tradizione della cucina giapponese nell’ambiente marino degli Hamptons, rinomata località di vacanza dei newyorchesi. Grazie all’apertura di grandi finestre, con affaccio verso le spiagge del sud di Long Island, e alla ridistribuzione delle pareti divisorie, l’ambiente si è fuso con l’esterno e la luce naturale è diventata parte integrante dello spazio. Una composizione di lampadari ravviva e popola le sale disegnando emozioni di luce, colori e ombre. L’utilizzo del legno bruciato per le boiserie rende omaggio alla cultura e alle tecniche giapponesi per il trattamento del legno, mentre i murales realizzati da artisti locali mostrano la penisola di Long Island, di cui gli Hamptons fanno parte e che dall’alto ricorda le forme di un pesce… diverso ma non disssimile dalla mappa di Venezia!




Map Design Communication
Patrizia Ledda
p.ledda@mapdesign.it
Mob. + 39 339 4766974
 
 
 
date: 03/05/2017
Gaia Nodari_portrait
date: 03/05/2017
Momi Ramen
date: 03/05/2017
Momi Ramen
date: 03/05/2017
Ratana
date: 03/05/2017
Ratana
date: 03/05/2017
Ratana
date: 03/05/2017
Erba Brusca
date: 03/05/2017
Milano Beatrice d Este
date: 03/05/2017
Tribeca
date: 03/05/2017
Tribeca
   
   
 
         
 
  follow us in
 
 
About us - How it works - Who uses it - Privacy - Legal area
P.I 03967530969-© DesignPress.info-All rights reserved Credits